Grazie alla vita che mi ha dato tanto, mi ha dato il riso e mi ha dato il pianto..


Streghe connesse:
Arnesi
La Magione
Incanti moderni
Streghe noi siamo
Vivere la Wicca
Ringraziamenti
Contatti
Morgana
Homepage

Arnesi
Book of Shadows
Candele
Cristalli
Erbolario
Faidate
Incensi
Legni
Oli essenziali
Pentacolo
Pochi soldini?
Rimedi della nonna
Riutilizzare
 




Olio Essenziale di incenso

Elemento: aria
Pianeta: sole
Influenze magiche: spiritualità, meditazione.
Cure fisiche: antinfiammatorio, antisettico, astringente, cicatrizzante, digestivo, diuretico, emmenagogo, espettorante, rilassante,sedativo, tonico.
Cure "spirituali": favorisce la meditazione.


La resina di Incenso è una delle più conosciute dall'antichità, poiché viene usata da almeno 3000 anni, di usi magici e religiosi ed è anche una delle più utilizzate.
L’albero d’incenso, originario dell’Africa orientale, oggi è diffuso in quasi tutte le regioni calde del continente asiatico. Sin dall’antichità quest’alberello, da cui si ricava una resina bianca come il latte che indurendosi acquista il caratteristico colore ambrato, ha goduto di una particolare fama ed era oggetto di fiorente commercio: era infatti considerato prezioso quanto loro.
Gli antichi Egizi erano grandi consumatori d' incenso che importavano dalle terre d Oriente, dove si produceva questa resina e l’utilizzavano in diversi modi, sia nei rituali religiosi sia nelle pratiche mediche e bellettarie famosa la polvere nera detta Kohl usata per il trucco degli occhi.
L’olio essenziale è al tempo stesso più potente e più etereo nella sua
azione, perché è libero dalla materia; è di aiuto per ognuno di noi nel
metterci in contatto con quella parte di noi stessi che è eterna e divina.
L’olio essenziale si presenta come un liquido di colore giallo tendente al verdastro e possiede un aroma caldo, dolce e balsamico con una nota di limone.
Da sempre, la proprietà nobile di quest’olio è quella d' indurre un senso di rilassamento e nella meditazione, tuttavia studi scientifici hanno posto rilievo anche alle sue qualità espettoranti e f1uidificanti del catarro (anche cronico),così com’è efficace anche in caso di reumatismi e dolori articolari.
A differenza di molti degli oli usati in Aromaterapia Sottile, possiamo
utilizzare le proprietà fisiche dell'Incenso, particolarmente quando lo
adoperiamo come aiuto per la meditazione.
L’incenso ha la capacità di rallentare il respiro, e questo aiuta a portare mente e corpo in uno stato meditativo. Ciò è di grande importanza inTUTTI i tipi di meditazione dove non è sufficiente la consapevolezza del respiro.
L’incenso aiuta a recidere i contatti col passato, specialmente nel caso in cui questi blocchino la crescita spirituale.

Uso magico: bruciare l’olio di incenso può provocare visioni e la crescita spirituale. Per innalzare la consapevolezza spirituale reale, che menzogne nascoste in noi, oche approfondiscono le nostre esperienze religiose, inalare l’essenza di questo olio.
L’aroma di incenso riduce anche lo stress e la tensione, non per rivelare parole ed illusioni, ma per puntualizzare che le nostre vite sono legate a molte più di una realtà.
Inalare il profumo dell’essenza di incenso calma il fisico ed innalza la conoscenza spirituale, ideale per l’uso meditativo.
Usatelo nell'acqua del bagno con l'intenzione ben presente di "lavare via " ogni vecchio legame che sentite come un ostacolo, oppure nel diffusore di aromi, magari abbinato alla forma di visualizzazione.
NB: quest’essenza può irritare la pelle.

Alcuni utilizzi:
Ambiente: alcune gocce d’olio essenziale d incenso versate nell’acqua del brucia essenze sono l’ideale per favorire il rilassamento e promuovere uno stato di tranquillità anche mentale. Lo stesso uso può essere fatto quando s’intenda praticare la meditazione.
Al tempo stesso si otterrà l’effetto di purificare l’ambiente dalle negatività.

Salute: le proprietà espettoranti possono essere sfruttale in caso di
raffreddore o bronchite. In questi casi si possono praticare dei suffumigi con 2 gocce d’essenza d’incenso e 2 d’issopo (per la bronchite) o 2 di pino silvestre e/o eucalipto (raffreddore). Da ripetere possibilmente 2 volte al giorno.