Tienili stretti i tuoi sogni, che i saggi non ne hanno così tanti quanto i folli..


Streghe connesse:
Arnesi
La Magione
Incanti moderni
Streghe noi siamo
Vivere la Wicca
Ringraziamenti
Contatti
Morgana
Homepage

Arnesi
Book of Shadows
Candele
Cristalli
Erbolario
Faidate
Incensi
Legni
Oli essenziali
Pentacolo
Pochi soldini?
Rimedi della nonna
Riutilizzare
 



Olio Essenziale di lavanda

Elemento: aria
Pianeta: Mercurio
Influenze magiche: salute, amore, celibato, pace, conoscenza di se stessi.

Cure fisiche: viene considerato, nell'aroma terapia tradizionale, il più versatile degli oli per il suo effetto sedativo, antisettico, analgesico, antidepressivo, calmante e soprattutto equilibrante.

Meditazione: è un olio equilibrante. Dal momento che è anche un olio sedativo, esso viene usato per lo più con altri oli, particolarmente unito all'olio di Rosmarino, per evitare di addormentarsi durante la meditazione.

Aromaterapia sottile e chakra:
Come succede spesso, esistono dei paralleli tra il piano fisico e quello spirituale, e quando viene usato a livello energetico, l'olio di Lavanda è al tempo stesso calmante, depurativo ed equilibrante. L’azione di riequilibrio si svolge particolarmente sul sistema dei Chakra, dato che quest'olio aiuta a mantenere i centri di energia superiori ed inferiori in armonia tra di loro.
Come il Vetiver, l'olio di Lavanda giova a tutti i chakra, agendo sia per calmarli che per energizzarli. Secondo quanto dice Philipe Mailhebiau, esso ha una forte affinità col plesso solare analogamente al Vetiver (di fatto, questi due oli si mescolano sorprendentemente bene. Cercate di usarli insieme per rinforzarne l'azione) .
Agendo sul Plesso Solare aiuta a calmare l'intensità delle emozioni.
Tuttavia l'affinità più forte è con il Chakra della Corona o Loto dai Mille Petali,dove la natura espansiva e risanatrice della Lavanda trova la sua più piena espressione.

Gli effetti calmanti e rilassanti di questo olio possono aiutare a raggiungere gli stati più profondi di meditazione, e chi lavora in profondità con questo olio può raggiungere uno stato di trance più profondo.
Questo non significa che chiunque usi l'olio di Lavanda debba per forza andare in trance. La possibilità di entrare in trance è data solo a pochi. Ancora una volta dobbiamo dire che l'olio lavora solo nel modo in cui viene inteso da chi lo usa.
L’azione equilibrante/armonizzatrice della Lavanda è inoltre quella di aiutare ad integrare la nostra spiritualità alla vita quotidiana.
L’uso dell'olio di Lavanda ci aiuta a capire quanto siano sacre le più umili delle nostre azioni.
L’olio di Lavanda è tra quelli che possono essere vaporizzati nel diffusore per ripulire un ambiente o un edificio da energie negative.

PRINCIPALI UTILIZZI:

Ambiente: per purificare l’aria non c’è niente di meglio che l’olio
essenziale di lavanda abbinato ad altri oli quali il limone. il bergamotto o l’arancio Qualche goccia di ognuno (o anche solo di lavanda) nell’acqua della lampada aromatica assicurerà "aria nuova" e pulita per un bel po’ di tempo.
Pot-pourri confezionati con fiori di lavanda daranno alla casa un tocco di freschezza e giovialità.

Alimentazione: l’essenza di lavanda non si utilizza in cucina, tuttavia le bellissime spighe adorne di fiori sono l’ideale per decorare piatti o tavole.
L’idea di posizionare sulla tavola dei portafiori con all’interno i fiori di lavanda contribuirà a creare un’atmosfera rilassata e cordiale, grazie al delicato profumo da essi emanato.

Bellezza: per purificare la pelle o in caso di pelle impura potete preparare un tonico con 50 ml di aceto di mele in cui diluirete lo gocce d'olio essenziale di lavanda; verserete il tutto in altri 50 ml di acqua distillata e poi agiterete bene per favorirne l'ulteriore miscelazione.
Ogni giorno passerete sul viso questa lozione purificante.
Quando vi siete esposti troppo a lungo al sole e avete la pelle arrossata, potete utilizzare un gel lenitivo a base di aloe vera e lavanda. Miscelate lo gocce d'essenza di lavanda in lo 9 di gel di aloe vera e poi passatelo sulle zone da trattare.

Salute: in caso di scottature o ustioni di primo grado non c'è niente di meglio che l'olio essenziale di lavanda; 1 goccia (o più a seconda dei casi o dell'estensione) di essenza pura direttamente sulla zona colpita rimedierà al danno favorendo la ricostruzione della pelle e, nella maggioranza dei casi, eviterà il formarsi della tipica bolla d'acqua.
1 goccia d'olio essenziale di lavanda stillata direttamente sul guanciale favorirà un buon sonno.
In caso di punture d'insetti o ragni velenosi basterà applicare direttamente sulla zona colpita 1 goccia di essenza per contrastarne gli effetti negativi.

Psiche: l'olio essenziale di lavanda agisce sul sistema nervoso favorendo il rilassamento e regolarizzando la respirazione che, quando si è ansiosi, si fa più rapida e superficiale.
In questi casi si possono fare delle inalazioni a secco con 1 goccia
d'essenza su di un fazzoletto da annusare all'occorrenza.
In alternativa, aromatizzate gli ambienti con le apposite lampade o altri diffusori quali pietre, bastoncini, anelli per lampadine.

NB L'assunzione di dosi eccessive di olio essenziale di lavanda possono provocare disturbi a carico dell'apparato digerente e nervoso causando stordimento.Non assumetelo insieme a farmaci o cure a base di iodio e ferro.