Ogni istante merita di esser vissuto, anche se tutto è vanità e un correr dietro al vento..


Streghe connesse:
Arnesi
La Magione
Incanti moderni
Streghe noi siamo
Vivere la Wicca
Ringraziamenti
Contatti
Morgana
Homepage

Arnesi
Book of Shadows
Candele
Cristalli
Erbolario
Faidate
Incensi
Legni
Oli essenziali
Pentacolo
Pochi soldini?
Rimedi della nonna
Riutilizzare
 



ROSMARINO (Rosmarinus Officinalis)

Originario dell'area mediterranea, dove è molto diffuso, è un arbusto perenne, appartenente alla famiglia delle Labiate. E' una pianta che si racoglie per tutto l'anno, anche se in inverno è amaro e teme il clima molto freddo.
Della pianta si utilizzano foglie e fiori, sia freschi che secchi. Ha proprietà antisettiche, antispasmodiche, diuretiche, carminative ed emmenagoghe. Il Rosmarino entrava nella composizione dell'Acqua della Regina d'Ungheria, un tonico di bellezza a base di Rosmarino con aggiunta di altre erbe (di cui non si conoscono con certezza i nomi nè le dosi) che Isabella, Regina d'Ungheria, si fece fare dal suo medico. Un tonico meraviglioso e miracoloso che le permise, nonostante i suoi settant'anni, di essere chiesta in moglie dal Re di Polonia.
Il suo nome significa "rugiada di mare", probabilmente perchè cresce vicino alle coste. E' una pianta dai mille usi, sia in medicina che in magia. Infusi di Rosmarino tolgono influssi negativi da case e oggetti. Per secoli venne usato come fumigante per disinfettare le stanze dei malati.
Per gli Egizi il suo fumo purificava e guariva i mali del corpo e della mente. Nell'antica Grecia era sacro ad Apollo e spesso sostituiva l'incenso durante i sacrifici agli Dei; si credeva aumentasse la memoria e le capacità mentali. Per i Romani era una pianta da cimiteri: il suo profumo confortava i defunti e ne accompagnava le anime nell'Oltretomba. Si pensava anche che stimolasse la memoria e aiutasse gli studenti a memorizzare le lezioni; in Shakespeare viene citata questa funzione e i monaci durante l'Alto Medioevo lo usavano per lo stesso motivo. In Bretagna è ancora oggi una pianta delle fate; se state attenti, ne vedrete qualcuna giocare tra i fiori. Rametti di Rosmarino posti nei cassetti e negli armadi profumano la biancheria e tengono lontane le tarme.

GENERE: Maschile
PIANETA: Sole
ELEMENTO: Fuoco
POTERI: protezione, esorcismo, allontanamento negatività, ringiovanente, tonificante, anergizzante. E' una pianta versatile che si può usare in magia per ogni cosa, perchè sostituisce qualsiasi tipo di erba.

USI MEDICINALI:
L'infuso combatte colesterolo alto, meteorismo intestinale e disturbi epatici, stimolando l'attività del fegato e delle vie biliari.
Nell'acqua del bagno è tonificante ed energizzante. Un vino aromatizzato al Rosmarino cura debolezza e inappetenza, affaticamento da stress con calo della memoria; i suffumigi sono utili contro il raffreddore.

USI MAGICI:
Nel Medioevo veniva usato per scacciare spiriti maligni e streghe durante le pratiche esorcistiche. Portato addosso in un sacchettino giallo di seta, è un amuleto contro il malocchio e tiene lontane le malattie; messo sotto il materasso, impedirà ai diavoli di venirvi a prendere e vi farà dormire tranquilli. I rametti fioriti nel cuscino vi aiuteranno a dimenticare un amore infelice; nei filtri attira l'amore.
Lavarsi le mani con l'infuso del Rosmarino scarica le energie accumulate e toglie ogni influsso negativo; cartomanti e pranoterapeuti lo usano per purificarsi tra una seduta e l'altra.

RICETTA DELL'OLIO DI ROSMARINO:
Questa ricetta mi è stata insegnata da Devon Scott (da dove traggo tutte le informazioni sulle erbe).
E' un olio di bellezza per il viso, nutriente e tonificante e posso testimoniare che dopo mesi che lo uso non potrei più farne a meno.

Prendete una manciata di aghi di Rosmarino
250 ml di olio extravergine di oliva
1 boccetta di olio essenziale di Rosmarino da 10ml.

Mettete tutto insieme a macerare per 20 giorni e poi filtrate e mettete l'olio in un vasetto al fresco ed al riparo dalla luce. Muovete ogni tanto il composto. Usate boccettine sempre da 10ml se volete avere la vostra piccola dose quotidiana a portata di mano. Io uso boccette col contagocce.
Dopo la pulizia, mettete 2 goccine di olio di Rosmarino sul viso mattina e sera, o se preferite solo la sera. Ovviamente a seconda del tipo di pelle aggiungere o diminuire la dose.
Se l'olio extravergine risultasse troppo pesante per la vostra pelle, potete allungare con olio di Mandorle dolci o di Argan.

NOTA: Se non mettete l'olio essenziale, fate macerare per 40 giorni. L'essenziale dimezza il processo di macerazione e dona un profumo maggiore all'olio.

A cura di Manuela SoundMaker