Noi saremo uno solo ed ognuno dell'altro sarà il tutto..


Streghe connesse:
Arnesi
La Magione
Incanti moderni
Streghe noi siamo
Vivere la Wicca
Ringraziamenti
Contatti
Morgana
Homepage

50 incanti
Amuleti
Benedizioni
Consapevolezza Pagana
Disegnare la luna
Essere streghe
Familiar
Farfalle
Feste
Giorni
Libri
Luna
Luoghi magici
Magione
Mesi
Noi siamo
Omens
Rede
Ricette culinarie
Ricette di bellezza
Sono io la Dea
Sono pagana
Streghe
Streghe o wiccan?
 



La Fiamma di Brigit a Kildare.

"Fermatevi agli incroci delle strade e guardate, informatevi riguardo ai sentieri del passato, dove sta la strada buona e prendetela, così troverete pace per le vostre anime."
Geremia 6,16.

Brigit, la Dea descritta da Apuleio come la Madre naturale di tutte le cose, ha un culto talmente radicato nelle zone di matrice celtica che in Irlanda sopravvive al cristianesimo fondendosi con la figura di Santa Brigida, badessa di Kildare.
Kildare, in irlandese Cill Dara "chiesa della quercia", si trova a 50 km da Dublino. Oggi vi sorge un monastero e una chiesa del 480 d.C. dove è custodita la Sacra Fiamma Perenne di Kildare.
Pare che questo Fuoco Sacro bruciasse già prima che il cristianesimo toccasse le coste irlandesi, in quello che sembra essere stato un luogo di culto druidico dedicato alla Dea Brigit. Il Fuoco Sacro dell'Ispirazione della Dea di poeti, fabbri, guaritori e pastori era affidato a diciannove sacerdotesse che lo sorvegliavano per venti giorni affinché non si spegnesse. Il ventesimo giorno la fiamma veniva custodita dalla Dea stessa che vegliava il fuoco per tutta la notte fino al giorno successivo quando subentrava la sacerdotessa che aveva custodito la fiamma il primo giorno e così via.

Con l'avvento del cristianesimo la Dea Brigit si trasformò in Santa Brigida, ma il fuoco di Kildare non si spense. Il santuario druidico pagano continuò la sua esistenza vestendo i panni della nuova religione e le 19 sacerdotesse presero i voti come suore non cambiando la loro attività di custodi del Sacro Fuoco.

Geraldo di Galles nel 1185 scrisse:
"A Kildare, nel Leinster, che la gloriosa Brigid ha reso famosa, vi sono molti prodigi che meritano di essere ricordati. E il primo fra tutti è il fuoco di Brigid che dicono sia inestinguibile, non perché non possa essere estinto, ma perché le suore lo hanno con così tanta cura alimentato che non si è mai estinto dai tempi della vergine fino ad oggi. E nonostante una così gran quantità di legna e per un così lungo periodo di tempo vi abbia bruciato, le ceneri non vi si sono mai accumulate. Benchè al tempo di Brigid vi fossero venti serve del Signore, di cui la ventesima era Brigid stessa, dopo la sua morte fino ad oggi ve ne sono rimaste solo diciannove e tale numero non è stato mai aumentato. Tutte in ordine custodiscono il fuoco a turno, ciascuna nella sua notte. Alla ventesima notte, l’ultima, la diciannovesima suora mette i ceppi nel fuoco dicendo: << Brigid, custodisci il tuo fuoco, questa è la tua notte.>>. E il fuoco viene lasciato e così ritrovato il mattino seguente. Il fuoco è circondato da un cerchio fatto di vimini che nessun uomo può attraversare. E se per caso uno osa entrare (e qualche avventato ci ha provato) non può sfuggire alla vendetta divina. Solo alle donne è permesso soffiare sul fuoco e non con la bocca ma con il mantice…”

Nel 1220 il vescovo Henry di Dublino fece estinguere la Fiamma Perenne di Kildare in quanto ritenuta pratica pagana. Ma la Sacra Fiamma fu riaccesa fino al XVI secolo quando venne nuovamente spenta dalla riforma anglicana.
Nel 1993 venne riaccesa dalle suore di Santa Brigida, ma solo durante la festa di Feile Bride, festa che avviene tuttora, in onore della Santa e della Dea, ogni primo febbraio.
La Fiamma venne riaccesa definitivamente nel 2006 con una solenne cerimonia alla quale presero parte anche autorità politiche irlandesi. Essa divenne il simbolo dell'intero popolo irlandese.
Oggi la fiamma brucia in una grande scultura a forma di fiaccola, protetta da un braciere in bronzo a forma di ghianda.
Potete accendere una candela con la fiamma di Brigit per portare con voi lo spirito della Dea, la Fiamma dell'Ispirazione con la quale Brigit ha illuminato il cammino a donne e uomini di tutte le epoche.
La Fiamma rimane forse uno dei simboli più emblematici di continuità con il paganesimo antico, riportando alla memoria le luci delle fiamme del Sacro Fuoco romano della Dea Vesta.

Si ringrazia Celtic World per alcune nozioni e date.

Cristina Pedrocco