Che colore ha il vento?


Streghe connesse:
Arnesi
La Magione
Incanti moderni
Streghe noi siamo
Vivere la Wicca
Ringraziamenti
Contatti
Morgana
Homepage

Alfabeto tebano
Arte e Grafica
Aura
Colori
Come iniziare?
Danzare
Divinazione
Divinità
Elementi
Esercizi
Feng Shui
Karma
Magia
Meditazione
Mete giornaliere
Numeri
Simboli
Stregoneria italiana
Tempio dei sogni
Terra dell' Estate
Umorismo Pagano
Visualizzazione
Wicca
Wicca in rete
 



Risposte alle domande più comuni sulla Wicca

Strega: praticante di una religione basata sulla natura che riconosce nel divino anche il femminile e segue i cicli stagionali. Una strega crede che esista una natura divina anche dentro di sé, e per questo motivo, avverte una connessione diretta con il suo Sé Divino. Le streghe vengono da qualsiasi ambiente etnico, socio-economico e religioso. Ciò che noi abbiamo in comune è un sistema di credenze strutturato in maniera libera ampiamente conosciuto come "Wicca".

D: Ci sono "Streghe bianche" e "Streghe nere", "Streghe buone" e "Streghe cattive"?
R: Le streghe sono solo streghe. Noi tendiamo ad evitare di usare i termini "nero" e "bianco" per descrivere la morale magica di una persona, dato che crediamo che questi termini invoglino ad un pensiero razzista. Per quanto riguarda le Streghe "buone" o "cattive", le Streghe sono persone dotate di grande moralità e religiosità. Coloro i quali seguono i propri principii religiosi, a prescindere da quale religione pratichino, di solito fanno del "bene". Quelli che vanno contro i propri principii religiosi, tendono ad agire in maniera dannosa e manipolativa.
Quando chiedete se qualcuno è una Strega buona o cattiva, è come chiedere se uno è un Cristiano buono o cattivo.

D: Voi adorate Satana?
R: Satana fa parte delle religioni Cristiana e Musulmana. Dato che noi non siamo né Cristiani né Musulmani, non riconosciamo l'esistenza di Satana, figuriamoci l'idea di adorarlo! La Wicca, la religione delle Streghe, è una religione di responsabilità. Visto che noi non crediamo in una forza esterna come "Satana", crediamo che ogni singolo essere umano sia completamente responsabile delle proprie azioni. Per noi, il male è una scelta, anche se si tratta di una scelta sbagliata, che l'uomo può compiere, non una entità alla quale dare la colpa per le nostre azioni.
Se un individuo sceglie di fare del male, noi crediamo che questo verrà punito per mezzo delle leggi del karma. Se una persona lavora per il bene altrui, crediamo che le stesse leggi lo ricompenseranno.
In altre parole, "Ciò che va, ritorna". Visto che la maggioranza delle Streghe crede nella reincarnazione, noi sentiamo che il karma possa seguire una persona da una vita all'altra. Questo talvolta serve a spiegare perché accadono cose terribili a persone meravigliose.

D: Allora perché usate quel simbolo Satanico?
R: Il pentagramma, o stella a cinque punte, non è un simbolo Satanico. Pitagora lo usava come simbolo di prosperità, ed i suoi seguaci lo indossavano per riconoscersi fra loro. Durante il Medioevo, alcuni Cavalieri Cristiani adottarono il pentagramma come simbolo. Per le Streghe moderne il pentagramma vuol dire molte cose; le cinque punte corrispondono agli Elementi, Aria, Terra, Fuoco ed Acqua, con la punta superiore che corrisponde allo "Spirito". Il pentagramma in un circolo può anche rappresentare un essere umano con le gambe e le braccia allargate, circondato dalla Saggezza Universale, dal "Divino" - l'uomo tutt'uno con il suo ambiente. I Satanisti rovesciano questo simbolo sottosopra, il che porta gli elementi della Terra e del Fuoco in cima (il Fuoco simboleggia la forza di volontà e la passione, e la Terra la prosperità ed i beni terreni), e lo Spirito, la spiritualità, sul fondo. I Satanisti, inoltre, rovesciano anche la croce. Questo fatto, preso in sé, non fa della croce, o del pentagramma un simbolo Satanico. In alcune tradizioni Wiccan, il pentagramma rovesciato è il simbolo dello status di "secondo-livello" - una persona che è stata elevata dal rango di "iniziato". Per i membri di queste tradizioni, il pentagramma rovesciato è considerato altamente positivo e non ha niente a che fare col Satanismo.

D: Voi fate sacrifici di sangue?
R: La natura del sacrificio è rinunciare a qualcosa che si possiede per guadagnare qualcosa di più importante. Noi non sentiamo come appartenenti a noi le vite di altre creature... perciò non uccideremmo mai un animale in un rituale, poiché non lo considereremmo un vero sacrificio. Le Streghe credono nella santità della vita. Per questo motivo una gran percentuale di Streghe sono vegetariane.

D: Le Streghe lanciano incantesimi?
R: Si. Tuttavia, il termine "incantesimo" è ampiamente frainteso.
Gli incantesimi, come le preghiere, vengono usati per creare un cambiamento nella vita di una persona, o nella vita di un nostro caro. Le preghiere sono una richiesta verso un Dio che è al di fuori di noi per creare questo cambiamento. Noi, come Streghe, crediamo che il Divino sia presente in ogni cosa, compresi noi stessi. Gli incantesimi, quindi, sono una incanalamento del nostro Sé Divino, delle nostre energie, con lo scopo di creare il cambiamento. Incantesimi e preghiere sono solo approcci diversi allo stesso obbiettivo. Una differenza è che le Streghe generalmente non fanno mai un incantesimo per qualcuno che non abbia dato loro il permesso. Incantesimi come quelli usati nelle magie d'amore, per ottenere l'attenzione di una persona specifica, o le maledizioni, sono considerati "manipolativi". Qualsiasi cosa manipolativa che vada contro la libera volontà di una persona è considerata sbagliata. E' contro il nostro sistema di credenze farsi coinvolgere da queste cose.

D: La Stregoneria è un culto?
R: Un culto, per definizione, è un gruppo di persone che segue ciecamente un capo. Dato che noi Wiccan, tendiamo ad essere liberi nel nostro pensiero, e non abbiamo nessuna persona che consideriamo come un capo, non possiamo essere considerati un culto.

D: Perché le Streghe vestono di nero?
R: In realtà non tutte lo fanno. In realtà sembra che molte Streghe preferiscano il verde o il viola. Il nero, tuttavia, in molte culture è indice del sacerdozio. Preti, Ministri e Rabbini, preferiscono tutti il nero come colore principale dei loro indumenti rituali.
Scientificamente parlando il colore è energia. I colori che vedete sono quelli che vengono riflessi, e non quelli assorbiti. Per cui, ciò che sembra essere bianco, che è la somma di tutti i colori dello spettro di luce, in realtà sta riflettendo tutti i colori, e non ne assorbe nessuno. Questo è evidente dal fatto che quando uno si veste di bianco, si sente più fresco - dato che il tessuto rimanda all'esterno il calore dell'energia, e quando si veste di nero - il calore dell'energia viene assorbito dall'indumento che si sta indossando, facendo sentire molto più caldo.

D: Ma le Streghe non sono tutte donne?
R: No, le Streghe sono sia uomini che donne. Il termine "Warlock" (tradotto dall'inglese a volte come Stregone, N.d.T.), non viene mai usato per descrivere una Strega uomo, visto che è considerato un insulto religioso. "Warlock" è un antico termine Scozzese che significa "traditore", "spergiuro". Sia gli uomini che le donne sono chiamati Streghe.

D: Perché mai uno vorrebbe essere un Wiccan?
R: In genere le persone vengono attirate dalla Wicca per diverse ragioni. Molte donne si sentono escluse dalle religioni principali, a causa della mancanza di una divinità femminile. Per loro, il concetto Wiccan di Dea come Madre di tutte le cose viventi, riempie uno spazio vuoto nella loro ricerca spirituale. Dato che si tratta di una religione basata sulla natura, la Wicca affascina quelle persone che sentono il bisogno di "Ritornare alla Terra", e danno grande importanza alla protezione dell'ambiente, del quale noi facciamo parte. Le persone attratte dal misticismo trovano la Wicca molto accomodante, visto che noi non troviamo nulla di innaturale nelle abilità psichiche, o nell'uso della magia per creare un cambiamento desiderato nella vita di una persona. Un'altra ragione è la nostra sola regola: "Finché non fai male a nessuno, fà ciò che vuoi." Questo ci dice che nulla è sbagliato di per sé, finché non nuoce a nessuno, compresi noi stessi. Ci dà la libertà di prendere le nostre decisioni su cosa è più giusto per noi.

D: Come convertite le nuove Streghe?
R: Non le convertiamo! Noi crediamo che tentare di convertire le altre persone sia una forma di bigotteria religiosa. Se una persona tenta di convertirne un'altra alla propria religione, allora questa ritiene che le credenze di quell'altra non siano valide come le proprie. Noi crediamo che tutti i percorsi siano ugualmente validi finché non si infrangono contro i basilari diritti civili o la libera volontà di un'altra persona. Secondo le nostre credenze, spetta all'individuo la scelta del proprio percorso. Noi non cerchiamo di manipolare gli altri verso il nostro sistema di credenze, cerchiamo solo di educare gli altri verso la nostra religione in modo che possano comprenderla meglio. Tuttavia, noi comunque cerchiamo di aiutare quelle persone che hanno già espresso un interesse verso la religione Wicca.

D: Ma allora cosa fanno le Streghe?
R: Viviamo. Moriamo. Alcuni di noi fanno figli, e gran parte di noi paga regolarmente le tasse. Pratichiamo la nostra religione senza cercare di costringere gli altri a farlo. Molte Streghe non parlano pubblicamente della loro religione per paura delle persecuzioni che possono subire ammettendo la loro credenza.
Anche se ci sono grandi chiese Wicca, molte Streghe praticano per conto loro, sono "Solitarie", o lavorano in piccoli gruppi chiamati Coven (letteralmente "congrega" o "boschetto" in alcune tradizioni Italiane, N.d.T.). I Coven funzionano non solo come gruppi religiosi, ma anche come famiglie estese. Cerchiamo di tenere le nostre cerimonie o "Circoli" all'aperto, visto che sentiamo che essere con la natura ci porta più vicini a quel Divino che l'ha creata. Alcune delle nostre credenze possono sembrare strane a molte persone, ma immaginate quanto strana ed orribile può sembrare l'eucaristia, la consumazione del sangue e del corpo di Cristo, ad una persona che non abbia familiarità con il Cristianesimo, o il rituale del Briss ad uno che non conosca il Giudaismo. Tutto ciò che noi chiediamo è la possibilità di praticare la nostra religione senza pregiudizio...


Questa F.A.Q. sulla Wicca è stata scritta da Paula Murphy, Ainsley Friedberg, J. Kyle Sweeney, e Lisa Tonner.