..che il destino ci trovi sempre forti e degni..


Streghe connesse:
Arnesi
La Magione
Incanti moderni
Streghe noi siamo
Vivere la Wicca
Ringraziamenti
Contatti
Morgana
Homepage

Alfabeto tebano
Arte e Grafica
Aura
Colori
Come iniziare?
Danzare
Divinazione
Divinità
Elementi
Esercizi
Feng Shui
Karma
Magia
Meditazione
Mete giornaliere
Numeri
Simboli
Stregoneria italiana
Tempio dei sogni
Terra dell' Estate
Umorismo Pagano
Visualizzazione
Wicca
Wicca in rete
 



" Finchè non fa male a nessuno, fa ciò che vuoi "



Questa frase del Rede, tanto importante per noi wiccan, non è un obbligo che ci impedisce di fare qualcosa per paura di ritorsioni karmiche, è una condizione che seguiamo naturalmente per scelte etiche che ci accompagnano nel corso della vita, ancora prima di chiamarci Wiccan.

Non è evitando di fare qualcosa che noi ci comporteremo in maniera consona al Rede, in questa maniera saremmo forzati e privati, sceglieremmo volontariamente un sacrificio in nome di una legge scritta da persone, quindi fallibili.
No, il Rede è un consiglio che noi adottiamo come legge sacra, perchè sacri sono i nostri valori, perchè sacra è l'espressione della divinità in noi, perchè sacro è il modo di amare noi stessi e gli altri. Il "non fare del male" alcuno, include noi stessi, in qualsiasi modo e forma, include gli altri e qualsiasi forma di vita attorno a noi. Usare qualsiasi forma di coercizione fisica, mentale, emozionale o magica su qualuno riluttante, è agire da NON wiccan ed anche privarci di farlo per paura di ritorni materiali e magici del karma è altrettanto sbagliato.

Noi riteniamo che la divinità è in tutto ciò che vediamo, sentiamo, tocchiamo così come in noi. Non creiamo nessuna forma di gerarchia tra mondo fisico e mondo spirituale, perchè tutto è miracolo della Dea e del Dio. Tutto è un imperativo spirituale nel prenderci cura della nostra esistenza e di ciò con cui viene in contatto. Tutto è dimensione spirituale se ci consente di mantenere la nostra integrità fisica e mentale, persino spazzare in terra:)

Noi riteniamo che i nostri pensieri, le nostre azioni, tutto il nostro mondo emozionale così come quello fisico, genera energia. Questa energia in continuo scambio con il mondo esterno, viene riflessa agli altri e dagli altri; in questa maniera torna moltiplicata a noi. E il tre non è nessun numero statistico, ma simbolico. Indica il triplice mondo, fisico, spirituale ed intellettuale; è il compimento della manifestazione ( l'uomo figlio del padre cielo e della madre terra completa la Triade ); il tempo è triplice, lo spazio è triplice, l'uomo stesso lo è. La Dea è triplice; ma è triplice anche il simbolo del Dio (alba, mezzogiorno,tramonto) ed il destino del Dio stesso : nascita, morte, resurrezione.

Le vite sono dei doni che ci consentono a nostra volta di vivere. E' vero che uccidiamo per cibarci, la maggior parte delle creature animali lo fa. Alcuni sono vegetariani. Io personalmente, ritengo che le piante siano esseri viventi al pari degli animali e abbiano il sacrosanto diritto di essere preservate allo stesso modo. Ma in questa maniera finiremmo per cibarci di nulla. Allora diventa naturale scegliere tutti gli alimenti che mi consentono di vivere, esprimendo la mia gratitudine per questo cibo e le creature che lo forniscono.

Morgana