Per paura di essere infelici restiamo infelici per sempre..


Streghe connesse:
Arnesi
La Magione
Incanti moderni
Streghe noi siamo
Vivere la Wicca
Ringraziamenti
Contatti
Morgana
Homepage

Alfabeto tebano
Arte e Grafica
Aura
Colori
Come iniziare?
Danzare
Divinazione
Divinità
Elementi
Esercizi
Feng Shui
Karma
Magia
Meditazione
Mete giornaliere
Numeri
Simboli
Stregoneria italiana
Tempio dei sogni
Terra dell' Estate
Umorismo Pagano
Visualizzazione
Wicca
Wicca in rete
 


Quadrato

Simbolo della Terra, del terrestre in opposizione al celeste, ma anche simbolo del creato in opposizione al Creatore.
Massimo simbolo del terreno, mondo materiale limitato nel tempo e nello spazio e come tale antitesi del trascendente.
Simboli esprimenti concetti opposti sono il quadrato ed il cerchio.

Vedremo il significato della loro conciliazione nella quadratura del cerchio.Possiamo già dire che la coppia cerchio-quadrato evoca sempre la coppia cielo-terra , in opposizione tra loro.
L’impossibile quadratura del cerchio riassume il desiderio umano di conciliare in una sintesi armoniosa il terrestre e il celeste.
Il quadrato, con le sue linee rette e gli spigoli "ispira" concetti di solidità, di staticità, di solidificazione, mentre il movimento fluido è curvo, circolare.

Ancor più che il quadrato è poi il cubo la massima espressione della stabilità, dell’arresto dello sviluppo ciclico e del fondamento; un esempio per tutti possa essere il cubo nero della Ka’ba, la pietra sacra della Mecca. La cupola al di sopra della costruzione della Ka’ba è reminiscente della sfera, che sta al cubo come il quadrato al cerchio.

Da sempre l’idea dei "quattro angoli del mondo" è in tutte le culture.
Il quadrato si riferisce sempre e comunque allo spazio, mentre la spirale si riferisce al tempo.
Basti pensare alla forma delle piazze, dei palazzi, delle case..ai templi, agli accampamenti ,alle città e alle mappe. Per quanto il rettangolo sia stato spesso scelto per necessità, era alla perfezione terrena del quadrato a cui pensavano gli architetti. Spesso questo quadrato veniva inscritto in un cerchio , fosse esso la sommità di una collina (accampamenti e templi) o in fondo a un cerchio di colline - come per Roma.

A questo punto introduciamo un'interessante leggenda: secondo la storia della fondazione di Roma di Plutarco, essa venne edificata da Romolo su indicazione "come dai misteri" degli Etruschi. Venne scavata inizialmente un fossa profonda,dove vennero gettate le offerte agli Dei e a cui fu data il nome "mundus" (cioè "cosmo"). La città aveva una forma circolare, anche se Roma viene spesso chiamata dagli antichi come "Urbs quadrata", Plutarco incluso, che inoltre afferma essere allo stesso tempo un cerchio ed un quadrato.

Secondo una teoria la parola "quadrata" significa "quadripartita", cioè la città circolare era divisa in 4 parti da due arterie , il cui punto di intersezione coincideva con il mundus. Esso veniva considerato il centro che collega la città al mondo degli spiriti. Possiamo allora dire allora in una frase che: il quadrato è il simbolo del mondo stabilizzato , della stabilizzazione dello sviluppo.

Questo sviluppo si effettua, partendo dal centro, secondo la croce dei punti cardinali, come dicevamo espressione dinamica del quattro, ove l’espressione statica , e stanziale , è il quadrato. Non per nulla gli accampamenti e le costruzioni non fisse (es. le tende degli indioamericani, gli igloo degli eschimesi ) sono rotondi.

Se paragoniamo il mondo ad un edificio (meglio: ad un tempio) allora le pietre angolari del mondo sono gli elementi. Secondo Plutarco (Iside e Osiride) il quadrato riuniva la potenza di Rhea, di Afrodite, di Demetra, di Hestia e di Hera,nel senso che Rhea, madre degli dei ,fonte primigenia, si esprimeva attraverso le modificazioni dei 4 elementi simbolizzati da Afrodite - acqua generatrice - da Hestia - il fuoco - da Hera, l’aria e da Demetra, la terra.


Uso in magia

Personalmente tendo a usare poco il quadrato da solo , esattamente come il triangolo. Per quanto io non li usi nè li conosca bene, non potevo comunque fare a meno di menzionare i "quadrati magici", cioè quadrati divisi in quadrati (rettangoli) , riempiti di numeri o lettere in un particolare ordine che si pensa abbiano proprietà particolari; originariamente usati come simboli religiosi , divennero piu' tardi talismani protettivi o strumenti di divinazione.

Il più famoso di essi è il Sator, quadrato quinario (di cinque righe e colonne). Il Pentacolo del Sator racchiude la parte esoterica della Religione Cristiana.

S A T O R
A R E P O
T E N E T
O P E R A
R O T A S


Il Quadrato simboleggia AREPO (“sator arepo tenet opera rotas”=il seminatore che conduce il carro). Anagrammandolo troviamo due parole, Apaternostero e Apaterostero. Sovrapponendo Apaterostero verticalmente ad Apaternostero essi formano una croce su di una consonante,la N,mentre la A iniziale e la O finale rappresentano l'alfa e l'omega, ossia l'inizio e la fine.

A

P

A

T

E

R

A P A T E R N O S T E R O

O

S

T

E

R

O


Si tratta perciò di un Pentacolo Cristiano, che fu in origine un segno di riconoscimento fra le persone più colte, le quali tramandavano il pensiero di Gesù a coloro che potevano assimilare la parte esoterica della dottrina Cristiana.
Di quadrati magici ve ne sono moltissimi, ne mostro sotto alcuni legati ai pianeti con (se vi interessa) il modo per fabbricarne amuleti: sono prima di tutto oggetti matematici, la cui proprietà è che la somma di una qualsiasi riga orizzontale o verticale è sempre costante..... oppure (per i quadrati alfabetici come il Sator) si possono leggere le parole della frase in qualsiasi verso di lettura