Il fiore più felice è l'uomo senza radici..


Streghe connesse:
Arnesi
La Magione
Incanti moderni
Streghe noi siamo
Vivere la Wicca
Ringraziamenti
Contatti
Morgana
Homepage

Alfabeto tebano
Arte e Grafica
Aura
Colori
Come iniziare?
Danzare
Divinazione
Divinità
Elementi
Esercizi
Feng Shui
Karma
Magia
Meditazione
Mete giornaliere
Numeri
Simboli
Stregoneria italiana
Tempio dei sogni
Terra dell' Estate
Umorismo Pagano
Visualizzazione
Wicca
Wicca in rete
 



Secondo le leggende più antiche l’origine di questo amuleto risalirebbe alla notte dei tempi.

Secondo una di queste leggende, Eva, cacciata dal paradiso terrestre dal dio cristiano, portò con se un quadrifoglio trovato nel giardino dell’Eden. Da allora questa pianta è stata considerata un amuleto protettore e portatore di fortuna e la sua fama è andata crescendo nel corso dei secoli.
Nel medioevo, gli iniziati alle arti magiche, utilizzavano il quadrifoglio come protezione dai demoni e dagli spiriti maligni. Forse, in questa stessa chiave, vanno lette e interpretate, le immagini a forma di quadrifoglio che si possono trovare incise sui pavimenti di alcune cattedrali medievali. I celti lo consideravano una pianta sacra, apportatrice di forza e di vitalità.

Il quadrifoglio per i cristiani, che altro non è che un trifoglio a quattro petali, è diventato poi amuleto portafortuna per eccellenza simboleggiando con i suoi quattro petali una croce. Ogni petalo rappresenta una virtù o un desiderio. Ogni petalo una qualità...questo è il segreto del Quadrifoglio: una foglia per la fama, una foglia per la ricchezza, una foglia per l'amore fedele ed una foglia per la buona salute.

In ogni epoca e cultura trovare un quadrifoglio ha sempre rappresentato un buon auspicio.
Nel XVII secolo era usanza, nel giorno delle nozze, lanciare sulla sposa, al posto del classico riso, dei mazzetti di quadrifogli. In questo modo veniva assicurato ad entrambi gli sposi un futuro roseo e fortunato. All’inizio del XX secolo, invece, altra usanza praticata era quella di spedire cartoline che rappresentavano un quadrifoglio a parenti e amici come augurio di buona fortuna, amore, salute e ricchezza. Spesso un quadrifoglio veniva regalato ad una persona per dimostrare la bontà delle proprie intenzioni nei suoi confronti. Anche i modi di conservare un quadrifoglio per assicurarsene i benefici sono diversi: ad esempio, in America Latina, i ragazzi sono soliti cercare quadrifogli durante le loro gite in campagna e conservarli poi fra le pagine di un libro. Se poi è una ragazza a trovare un quadrifoglio, si pensa che sposerà il primo uomo che incontra.
Alcuni invece conservano i quadrifogli all’interno delle scarpe, per non commettere passi sbagliati nella vita ed essere guidati dall’amuleto sulla strada della fortuna.
I cristiani, vedendo il quadrifoglio come espressione della santa croce, credono vada conservato nelle pagine di una bibbia.
Infine, c’è chi usa portare con se un quadrifoglio sotto forma di gioiello: ciondoli, collane, bracciali e quant’altro con questa speciale figura, nei materiali più vari, unendo alle virtù del simbolo in se la potenza dei metalli o delle pietre.

Curiosità:
Quando troviamo un quadrifoglio, in qualche modo, ci sentiamo fortunati perché questa piccola piantina porta con se grandi virtù. Ma è anche possibile imbattersi in un trifoglio a 5 o, addirittura, a 6 petali. Rarissimi certo, ma speciali davvero.
Secondo la tradizione più popolare trovare un trifoglio a 5 petali annuncia matrimonio felice in vista e prosperità economica. Trovare invece un trifoglio a 6 petali preannuncia non solo successo, ma protezione contro ogni influenza negativa.